Igea Centro Medico - Torino - Carmagnola - Specialisti nella Salute della famiglia. Ecografie Diagnostica | Dr.ssa Marisa Giudice
15640
page-template-default,page,page-id-15640,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-child-theme-ver-1.0.0,qode-theme-ver-10.1.2,wpb-js-composer js-comp-ver-5.1,vc_responsive
 

Dr.ssa Marisa Giudice

Radiologo

Nata ad Atri (TE) il 01 ottobre 1959
Laureata a Torino in Medicina e Chirurgia

Specialità
Radiodiagnostica

Responsabile
già responsabile del reparto di radiologia Clinica Cellini, ambulatorio RIBA, e Clinica San Luca
esperienza in Pronto Soccorso Molinette

Presso il centro medico IGEA esegue la
DIAGNOSTICA PER IMMAGINE:

ESAMI ECOGRAFICI
dei principali distretti corporei

 

Tumore del rene: sintomi, ecografia e sopravvivenza

Interessa preferenzialmente il sesso maschile con un rapporto di 2:1.Il carcinoma del rene rappresenta circa il 2-3% delle neoplasie dell’adulto ed è, come frequenza, la terza neoplasia genito-urinaria, dopo il tumore della prostata e della vescica.

Si verifica tipicamente in età adulta, con un picco di incidenza tra la V e la VII decade di vita.

Il tumore del rene più frequente negli adulti è l’adenocarcinoma.

La sintomatologia del tumore al rene è caratteristica, ma non sempre presente, e generalmente la sua comparsa indica una malattia già in fase avanzata.

La classica triade di dolore, ematuria e tumefazione del fianco è presente solamente in un 10% circa dei pazienti ed implica in genere uno stadio di malattia già avanzato. Il reperto più frequente, accanto alla possibilità di una diagnosi incidentale, è l’ematuria macroscopica

Occorre prevenire sottoponendosi periodicamente (almeno una volta all’anno) a degli esami specifici come l’ecografia dell’addome.

Questo esame è in grado di identificare la presenza della massa tumorale e di valutarne la natura solida o liquida.

Oltre ad eseguire l’esame ecografico  per riconoscere tempestivamente la comparsa della patologia è necessario seguire un corretto stile di vita ed evitare tutti i possibili fattori di rischio, come il fumo , l’obesità, l’ipertensione l’esposizione ad alcuni metalli e sostanze (asbesto, cadmio, fenacetina).

 

Nel caso di tumori piccoli, la sopravvivenza dopo cinque anni è di circa il 90-95%, nel caso di masse più grandi (sempre senza la presenza di metastasi) è di circa 80-85%.